* * * *
11 Visitatori, 1 Utente
Una form dai comportamenti predefiniti

Quando si sviluppa una applicazione destinata ad avere un certo numero di form, è bene prevedere che tutte abbiamo lo stesso comportamento. Se poi a lavorare sullo stesso progetto c'è più di uno sviluppatore allora un metodo comune di lavoro diventa obbligatorio.
Solitamente si dice che si devono definire degli standard di sviluppo.

Per ottenere questo possiamo sfruttare l'ereditarietà dell'oggetto TForm. L'esempio che segue è basato sulla mia esperienza e ovviamente non è l'unico modo possibile.

Il comportamento cercato
Nello sviluppo di un ipotetico gestionale bisogna tener conto anche dell'utente finale. Oggi si stanno diffondendo GUI in cui solitamente, tramite tasto destro del mouse e quindi click su "Properties", si accede alla maschera che permette di modificare i campi di un certo record. Nel gestionale secondo me è meglio un approccio che tenga conto dello stato della maschera. Se pensiamo ad una fattura ad esempio è chiaro che per modificarla abbiamo bisogno di una richiesta esplicita, non è ipotizzabile che con "Properties" ci si trovi già in modifica.
Per questo ho diceso di impostare un comportamento predefinito basato sullo stato della maschera (segue esempio):
Codice: [Seleziona]

Stato iniziale = browse (sola letura) <-+ <-+
 |                                      |   |
 +---> Insert --+                       |   |
 |              |                       |   |
 |              +-> Conferma Insert ----+   |
 |              |                       |   |
 |              +-> Annulla Insert    --+   |
 |                                          |
 +---> Edit   --+                           |
                |                           |
                +-> Conferma Edit ----------+
                |                           |
                +-> Annulla modifiche ------+              


Riepilogando, attualmente una maschera può assumere i seguenti stati (valori di TBaseForm_GuiMode):

valoresignificato
bfgmDisabledvalore usato per disabilitare tutti i controlli (non dovrebbe mai essere usato in casi normali)
bfgmBrowsemodalità browse: non sono ammesse modifiche
bfgmInsertmodalità inserimento
bfgmEditmodalità modifica di un record esistente
bfgmDeleteeliminazione di un record esistente
bfgmWorkInProgressesecuzione di una procedura in corso
bfgmReportInProgressstampa in corso
bfgmConfirmInsertInProgressconferma di un nuovo record in corso
bfgmConfirmEditInProgressconferma delle modifiche di un record esistente in corso
bfgmCancelInsertInProgressannullamento dell'inserimento in corso
bfgmCancelEditInProgressannullamento delle modifiche in corso


Le azioni di un utente
Riguardo all'uso dei menù o dei bottoni, è meglio non precludersi nessuna delle due strade. Per questo motivo verranno sfruttate le Azioni. Queste possono essere abbinate sia alle voci di menù che ai bottoni: impostando un comportamento automatico delle azioni, avrò, gratis, menù e bottoni abilitati o disabilitati di conseguenza.
Quindi per ogni azione che l'utente ha a disposizione, troviamo una TAction (facente parte di una action list).
Queste sono categorizzate a seconda dello stato della maschera attualmente visualizzata.

Category: Browse

azionedescrizione
acUser_Insertazione che permette l'inserimento di un nuovo record
acUser_Editazione che permette la modifica di un record esistente
acUser_Deleteazione che permette l'eliminazione di un record esistente
acUser_Refreshrichiesta di refresh
acUser_Reportazione che permette la generazione di un report



Category: Edit
azionedescrizione
acUser_Confirmrichiesta di conferma (dell'inserimento o modifica)
acUser_Cancelrichiesta di abbandono (dell'inserimento o modifica)


Category: Navigation
azionedescrizione
acUser_Firstazione che permette lo spostamento al primo record
acUser_Priorazione che permette lo spostamento al record precedente
acUser_Nextazione che permette lo spostamento al record successivo
acUser_Lastazione che permette lo spostamento all'ultimo record


Category: Stateless

azionedescrizione
acUser_Helpazione che permette la visualizzazione dell'help


Ogni operazione dell'utente sarà suddivisa in 3 sotto operazioni:
- prima di eseguire (per fare test o precaricare dati)
- esecuzione
- dopo l'esecuzione (istruzioni da eseguire a conclusione dell'operazione, es: invio mail)
Per chiarimenti andate a vedere, ad esempio, il codice del metodo DoInsert.

Come si usa?
L'utilizzo è semplicissimo, non bisogna installare nulla: (1) includere la unit uBaseForm nel progetto, (2) creare una nuova form e (3) nell'editor dei sorgenti, modificare l'ereditarietà della nuova sottoclasse da TForm a TfmBaseForm.

Anche la scrittura del codice è stata lasciata intenzionalmente semplice: si tratta di normale programmazione ad oggetti.
Ogni azione, metodo ed evento sono stati nominati in modo da rispondere ad una precisa convenzione.
Se ad esempio creiamo una form che eredita da TfmBaseForm e vogliamo ad esempio gestire l'inserimento di un nuovo record sappiamo che:
- l'azione corrispondente si chiama: acUser_Insert
- nell'evento OnEcecute dell'azione si lancia un unico metodo: DoInsert
- nel metodo DoInsert, quando presenti, vengono lanciati gli eventi:
  . OnInsertTest    : test che permette di stabilire se l'azione "Insert" è eseguibile
  . OnInsertBefore  : operazioni da eseguire prima dell 'insert vero e proprio (la gui non è ancora in Insert mode)
  . OnInsertExecute : operazioni relative all'insert
  . OnInsertAfter   : operazioni da effettuare dopo che l'insert è stato consolidato sul database

Nessuno di questi eventi è obbligatorio ma OnInsertExecute è necessariamente l'unico evento dove ci si aspetta di trovare del codice.
Quindi bisogna operare nel seguente modo:
1) definire 1 procedura di tipo TBaseForm_NotifyEvent
2) (solitamente nell'OnCreate della form) assegnare il puntatore di questa procedura all'evento

 
Progetto di esempio
Un progetto di esempio è scaricabile da subversion
Codice: [Seleziona]
svn checkout svn://svn.code.sf.net/p/lazarusiug/liug/trunk/baseform lazarusiug-liug


Oppure lo trovate in allegato sul seguente thread:
http://www.lazaruspascal.it/index.php?topic=1392.0

Il contenuto è il seguente:
TestBaseForm (.lpr e .lpi)file di progetto
umainform (.pas e .lfm)form principale
ubaseform (.pas e .lfm)form con la superclasse da cui ereditare
ubaseformtester (.pas e .lfm)sottoclasse che eredita da ubaseform


Spoero che la codifica sia sufficientemente autoesplicativa, per chiarimenti basta aprire un thread sul forum.

Share on Twitter! Digg this story! Del.icio.us Share on Facebook! Technorati Reddit StumbleUpon

Articles in « How to »

Comments *

Commenting option has been turned off for this article.

Recenti

How To

Trascinare un file nel programma da xinyiman
DB concetti fondamentali e ZeosLib da xinyiman
Recuperare codice HTML da pagina web da xinyiman
Mandare mail con Lazarus da xinyiman
Stabilire il sistema operativo da xinyiman
Esempio lista in pascal da xinyiman
File INI da xinyiman
Codice di attivazione da xinyiman
Realizzare programmi multilingua da xinyiman
Lavorare con le directory da xinyiman
Utilizzare Unità esterne da Loryea
TTreeView da xinyiman
TTreeview e Menu da xinyiman
Generare controlli RUN-TIME da xinyiman
LazReport, PDF ed immagini da xinyiman
Intercettare tasti premuti da xinyiman
Ampliare Lazarus da xinyiman
Lazarus e la crittografia da xinyiman
System Tray con Lazarus da xinyiman
UIB: Unified Interbase da Microges2000
Il file: questo sconosciuto da Microges2000
Conferma di chiusura di un applicazione da xinyiman
Liste e puntatori da Microges2000
Overload di funzioni da Microges2000
Funzioni a parametri variabili da Microges2000
Proprietà da Microges2000
Conversione numerica da Microges2000
TImage su Form e Panel da Maverich
Indy gestiore server FTP lato Client da Maverich
PopUpMenu sotto Pulsante (TSpeedButton) da Maverich
Direttiva $macro da Microges2000
Toolbar da xinyiman
Evidenziare voci TreeView da Maverich
Visualizzare un file Html esterno da Maverich
StatusBar - aggirare l'errore variabile duplicata da Maverich
Da DataSource a Excel da xinyiman
Le permutazioni da xinyiman
Brute force da xinyiman
Indy 10 - Invio email con allegati da Maverich
La gestione degli errori in Lazarus da xinyiman
Pascal Script da xinyiman
Linux + Zeos + Firebird da xinyiman
Dataset virtuale da xinyiman
Overload di operatori da Microges2000
Lavorare con file in formato JSON con Lazarus da nomorelogic
Zeos ... dietro le quinte (prima parte) da Stilgar
Disporre le finestre in un blocco unico (come Delphi) da Maverich
Aspetto retrò (Cmd Line) da xinyiman
Come interfacciare periferica twain da Narciso
Ubuntu - aggiornare free pascal e lazarus da xinyiman
fpcup: installazioni parallele di lazarus e fpc da nomorelogic
Free Pascal e Lazarus sul Raspberry Pi da nomorelogic
Cifratura: breve guida all'uso dell'algoritmo BlowFish con lazarus e free pascal. da nomorelogic
Creare un server multithread da xinyiman
guida all'installazione di fpc trunk da subversion in linux gentoo da nomorelogic
Indice da nomorelogic
DB concetti fondamentali e connessioni standard da xinyiman
Advanced Record Syntax da nomorelogic
DB concetti fondamentali e DBGrid da xinyiman
DB concetti fondamentali e TDBEdit, TDBMemo e TDBText da xinyiman
Advanced Record Syntax: un esempio pratico da nomorelogic
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) da nomorelogic
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #2 - log, exception call stack, application toolbox da nomorelogic
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #3 - traduzione delle form da nomorelogic
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #4 - wait animation da nomorelogic
Un dialog per la connessione al database:TfmSimpleDbConnectionDialog da nomorelogic
Installare lazarus su mac osx sierra da xinyiman
Utenti
  • Utenti in totale: 531
  • Latest: Cesare
Stats
  • Post in totale: 10357
  • Topic in totale: 1314
  • Online Today: 21
  • Online Ever: 74
  • (Luglio 09, 2012, 11:05:53 am)
Utenti Online
Users: 1
Guests: 11
Total: 12

Disclaimer:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.