* * * *

Privacy Policy

Blog italiano

Clicca qui se vuoi andare al blog italiano su Lazarus e il pascal.

Forum ufficiale

Se non siete riusciti a reperire l'informazione che cercavate nei nostri articoli o sul nostro forum vi consiglio di visitare il
Forum ufficiale di Lazarus in lingua inglese.

Lazarus 1.0

Trascinare un file nel programma
DB concetti fondamentali e ZeosLib
Recuperare codice HTML da pagina web
Mandare mail con Lazarus
Stabilire il sistema operativo
Esempio lista in pascal
File INI
Codice di attivazione
Realizzare programmi multilingua
Lavorare con le directory
Utilizzare Unità esterne
TTreeView
TTreeview e Menu
Generare controlli RUN-TIME
LazReport, PDF ed immagini
Intercettare tasti premuti
Ampliare Lazarus
Lazarus e la crittografia
System Tray con Lazarus
UIB: Unified Interbase
Il file: questo sconosciuto
Conferma di chiusura di un applicazione
Liste e puntatori
Overload di funzioni
Funzioni a parametri variabili
Proprietà
Conversione numerica
TImage su Form e Panel
Indy gestiore server FTP lato Client
PopUpMenu sotto Pulsante (TSpeedButton)
Direttiva $macro
Toolbar
Evidenziare voci TreeView
Visualizzare un file Html esterno
StatusBar - aggirare l'errore variabile duplicata
Da DataSource a Excel
Le permutazioni
Brute force
Indy 10 - Invio email con allegati
La gestione degli errori in Lazarus
Pascal Script
Linux + Zeos + Firebird
Dataset virtuale
Overload di operatori
Lavorare con file in formato JSON con Lazarus
Zeos ... dietro le quinte (prima parte)
Disporre le finestre in un blocco unico (come Delphi)
Aspetto retrò (Cmd Line)
Lazarus 1.0
Come interfacciare periferica twain
Ubuntu - aggiornare free pascal e lazarus
fpcup: installazioni parallele di lazarus e fpc
Free Pascal e Lazarus sul Raspberry Pi
Cifratura: breve guida all'uso dell'algoritmo BlowFish con lazarus e free pascal.
Creare un server multithread
guida all'installazione di fpc trunk da subversion in linux gentoo
Indice
DB concetti fondamentali e connessioni standard
Advanced Record Syntax
DB concetti fondamentali e DBGrid
DB concetti fondamentali e TDBEdit, TDBMemo e TDBText
Advanced Record Syntax: un esempio pratico
Superclasse form base per programmi gestionali (e non)
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #2 - log, exception call stack, application toolbox
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #3 - traduzione delle form
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #4 - wait animation
Un dialog per la connessione al database:TfmSimpleDbConnectionDialog
Installare lazarus su mac osx sierra
immagine docker per lavorare con lazarus e free pascal
TDD o Test-Driven Development
Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Settembre 27, 2022, 07:48:14 am

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

31 Visitatori, 0 Utenti

Autore Topic: Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività  (Letto 362 volte)

bonmario

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1125
  • Karma: +1/-1
Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività
« il: Giugno 20, 2022, 08:19:10 am »
Ciao a tutti,
avete presente quando si imposta lo screensaver, che si può impostare la sua attivazione se il PC non viene utilizzato per "x" minuti?
Ecco, in un mio progetto, che gira solo su Windows, dovrei fare la stessa cosa.
Ho provato con l'oggetto TIdleTimer, ma da quello che ho capito, quello può misurare l'inattività solo dell'eseguibile in cui lo metto.

Avete qualche idea?

Grazie, Mario

DragoRosso

  • Scrittore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 686
  • Karma: +13/-0
  • Prima ascoltare, poi decidere
Re:Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività
« Risposta #1 il: Giugno 20, 2022, 11:16:54 pm »
Tanto tempo fà andavo ad intercettare lo stato di IDLE del computer gestendo il messaggio di Windows (WM_SYSCOMMAND con argomento SC_SCREENSAVE), poi ho smesso in quanto lo stato di idle dell'applicazione è sufficiente per garantirti l'uso delle risorse con tranquillità.

Intercetta in un evento della tua FORM il messaggio WM_SYSCOMMAND se hai necessità di avere lo stato IDLE del PC, non ho altre idee al riguardo.

Rif: https://docs.microsoft.com/it-it/windows/win32/menurc/wm-syscommand

Ciao

P.S: attenzione che lo stato IDLE del PC è abbastanza volubile come definizione, è la mancanza di attività dell'utente dopo tot tempo (però magari il PC stà bollendo con la CPU al 100%) ? Oppure è quando il PC è scarico di lavoro con la CPU al 10% ?
Per me è più aderente la definizione con la CPU scarica di attività ... però è una mia opinione.
« Ultima modifica: Giugno 20, 2022, 11:23:07 pm da DragoRosso »
:) Ogni alba è un regalo, ogni tramonto è una conquista :)

bonmario

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1125
  • Karma: +1/-1
Re:Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività
« Risposta #2 il: Giugno 21, 2022, 07:59:12 am »
Ok, grazie, ci provo

bonmario

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1125
  • Karma: +1/-1
Re:Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività
« Risposta #3 il: Giugno 25, 2022, 07:39:13 am »
Ciao,
in questi giorni, sul forum internazionale, hanno aperto questa discussione:
https://forum.lazarus.freepascal.org/index.php/topic,59678.msg445443/topicseen.html#new

Partendo da lì, e facendo qualche ricerca, ho trovato questo codice:
Codice: [Seleziona]
    function IdleTime: DWord;
    var
      LastInput: TLastInputInfo;
    begin
      LastInput.cbSize := SizeOf(TLastInputInfo);
      GetLastInputInfo(LastInput);
      Result:=(GetTickCount - LastInput.dwTime) div 1000;
      //Result contiene il numero di secondi passati dall'ultima volta che è stato rilevato un input (mouse o tastiera)
    end;

Basta aggiungere alla uses "jwawinuser".

Jo fatto qualche prova, e funziona alla grande !!

Ciao, Mario

DragoRosso

  • Scrittore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 686
  • Karma: +13/-0
  • Prima ascoltare, poi decidere
Re:Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività
« Risposta #4 il: Giugno 25, 2022, 12:34:59 pm »
Conosco quella funzione, ma funziona solo parzialmente a come pensi tu.

GetLastInputInfo lavora solo nella sessione utente da cui viene chiamato. Se entro come Terminal Server o con i vari servizi più o meno multiutente di teleassistenza, le sessioni sono diversificate. Se il il tuo software gira su un server (o su sistemi Windows abilitati alla multisessione), l'input utente sarà quello della sessione su cui gira il software. Penso che accada la stessa cosa con il "multidesktop" di Windows (cioè se hai 2 desktop e il tuo software "gira" sul primo, ma l'utente stà lavorando sul secondo, l'input il tuo software non lo intercetta).
Avevo in passato già verificato la cosa, ma magari ora hanno cambiato il funzionamento.
Quella API inoltre non funziona nei servizi, in quanto per un servizio non esiste una sessione interattiva.

Se non hai le problematiche di cui sopra comuqnue è un ottima soluzione.

Ciao

:) Ogni alba è un regalo, ogni tramonto è una conquista :)

DragoRosso

  • Scrittore
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 686
  • Karma: +13/-0
  • Prima ascoltare, poi decidere
Re:Simulare comportamnento ScreenSaver per inattività
« Risposta #5 il: Luglio 10, 2022, 09:24:27 pm »
...
Penso che accada la stessa cosa con il "multidesktop" di Windows (cioè se hai 2 desktop e il tuo software "gira" sul primo, ma l'utente stà lavorando sul secondo, l'input il tuo software non lo intercetta).
Avevo in passato già verificato la cosa, ma magari ora hanno cambiato il funzionamento.
...

Approfittando di un altro post simile su altro forum, ho fatto alcune prove e anche con il multidesktop di Windows (almeno di Windows 11) la funzione GetLastInputInfo funziona correttamente a livello globale, ossia su qualunque desktop si lavori e ovunque giri l'app che usa tale funzione verrà intercettato il tasto o il movimento del mouse.

Ciao
:) Ogni alba è un regalo, ogni tramonto è una conquista :)

 

Recenti

How To

Utenti
Stats
  • Post in totale: 16603
  • Topic in totale: 2022
  • Online Today: 33
  • Online Ever: 900
  • (Gennaio 21, 2020, 08:17:49 pm)
Utenti Online
Users: 0
Guests: 31
Total: 31

Disclaimer:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.