* * * *

Privacy Policy

Forum ufficiale

Se non siete riusciti a reperire l'informazione che cercavate nei nostri articoli o sul nostro forum vi consiglio di visitare il
Forum ufficiale di Lazarus in lingua inglese.

Lazarus 1.0

Trascinare un file nel programma
DB concetti fondamentali e ZeosLib
Recuperare codice HTML da pagina web
Mandare mail con Lazarus
Stabilire il sistema operativo
Esempio lista in pascal
File INI
Codice di attivazione
Realizzare programmi multilingua
Lavorare con le directory
Utilizzare Unità esterne
TTreeView
TTreeview e Menu
Generare controlli RUN-TIME
LazReport, PDF ed immagini
Intercettare tasti premuti
Ampliare Lazarus
Lazarus e la crittografia
System Tray con Lazarus
UIB: Unified Interbase
Il file: questo sconosciuto
Conferma di chiusura di un applicazione
Liste e puntatori
Overload di funzioni
Funzioni a parametri variabili
Proprietà
Conversione numerica
TImage su Form e Panel
Indy gestiore server FTP lato Client
PopUpMenu sotto Pulsante (TSpeedButton)
Direttiva $macro
Toolbar
Evidenziare voci TreeView
Visualizzare un file Html esterno
StatusBar - aggirare l'errore variabile duplicata
Da DataSource a Excel
Le permutazioni
Brute force
Indy 10 - Invio email con allegati
La gestione degli errori in Lazarus
Pascal Script
Linux + Zeos + Firebird
Dataset virtuale
Overload di operatori
Lavorare con file in formato JSON con Lazarus
Zeos ... dietro le quinte (prima parte)
Disporre le finestre in un blocco unico (come Delphi)
Aspetto retrò (Cmd Line)
Lazarus 1.0
Come interfacciare periferica twain
Ubuntu - aggiornare free pascal e lazarus
fpcup: installazioni parallele di lazarus e fpc
Free Pascal e Lazarus sul Raspberry Pi
Cifratura: breve guida all'uso dell'algoritmo BlowFish con lazarus e free pascal.
Creare un server multithread
guida all'installazione di fpc trunk da subversion in linux gentoo
Indice
DB concetti fondamentali e connessioni standard
Advanced Record Syntax
DB concetti fondamentali e DBGrid
DB concetti fondamentali e TDBEdit, TDBMemo e TDBText
Advanced Record Syntax: un esempio pratico
Superclasse form base per programmi gestionali (e non)
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #2 - log, exception call stack, application toolbox
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #3 - traduzione delle form
Superclasse form base per programmi gestionali (e non) #4 - wait animation
Un dialog per la connessione al database:TfmSimpleDbConnectionDialog
Installare lazarus su mac osx sierra
immagine docker per lavorare con lazarus e free pascal
TDD o Test-Driven Development
Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.
Luglio 10, 2020, 01:59:51 am

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

18 Visitatori, 0 Utenti

17 Ott 2011 - Le condizioni

Condizioni

Generalmente in ogni discorso si arriva in un punto in cui si esprime il concetto del "se" o "oppure". Bene, il Pascal come linguaggio di programmazione non fa eccezione. Vediamo come si fa proseguendo con il programma che abbiamo realizzato nell'articolo "Input di dati".
Il programma in questione, se avete provato a realizzarlo e testarlo, dice: "Inserire un numero da uno a dieci: ". Ma se si inseriscono valori numerici differenti da quelli previsti, non esegue nessun controllo e vengono stampati lo stesso. Questo perchè ancora non sappiamo come differenziare i numeri validi da quelli non validi. Per fare ciò si ricorre al "if". Vediamo come verrebbe modificato il codice del programma prima menzionato se usassimo un if.

Codice: Delphi [Seleziona]
write('Inserisci un numero da uno a dieci: ');
readln(PrimaVariabile);
if ((PrimaVariabile > 0) and (PrimaVariabile < 11)) then
  writeln('Il numero da te immesso e'': ', PrimaVariabile)
else
if ((PrimaVariabile > 10) and (PrimaVariabile < 21)) then
  writeln('Il numero da te immesso e'' compreso tra 11 e 20')
else
  writeln('Il numero da te immesso non e'' compreso tra 1 e 10!');

repeat
until keypressed;


Analizziamo ora il codice: dopo aver letto la variabile di nome PrimaVariabile possiamo notare il costrutto

Codice: Delphi [Seleziona]

if (Condizione1) then
Operazione che si vuol fare
else
if (Condizione2) then
  Operazione che si vuol fare
else
  Operazione che si vuol fare


Tradotto in italiano risulterebbe come dire:

Codice: [Seleziona]
se (Condizione1) allora
    Operazione che si vuol fare
oppure
se(Condizione2) allora
    Operazione che si vuol fare
oppure
    Operazione che si vuol fare


Come si può capire da questi semplici esempi, il comando if è alla base di tutti i programmi.

Precedentemente abbiamo detto che ogni riga deve terminare con il punto e virgola, ma se andiamo a vedere l'esempio appena esposto, noteremo che su alcune righe il punto e virgola non c'è. Questo perché la riga subito dopo l'if è considerata come il codice da eseguire se la condizione è verificata, altrimenti esegue quello che c'è nell'else; quindi non necessita del punto e virgola per specificare dove finisce la riga.

Abbiamo visto che se si verificano le condizioni, allora si esegue una sola riga. In realtà ci si può trovare di fronte alla necessità di dover eseguire più di una riga di codice, e per fare ciò bisogna usare il "begin end". Modificando il vecchio esempio andremo a capire meglio cosa intendo.

Codice: Delphi [Seleziona]

write('Inserisci un numero da uno a dieci: ');
readln(PrimaVariabile);

if ((PrimaVariabile > 0) and (PrimaVariabile < 11)) then
    writeln('Il numero da te immesso e'': ', PrimaVariabile)
else
if ((PrimaVariabile > 10) and (PrimaVariabile < 21)) then
begin
    writeln('Il numero da te immesso e'' superiore ma non troppo');
    writeln ('Eseguo piu'' di una riga di codice!');
end else
    writeln('Il numero da te immesso non e'' compreso tra 1 e 10!');

repeat until keypressed;


Come possiamo notare, la prima condizione, se verificata, esegue la stessa operazione di prima, mentre la seconda condizione, se verificata, oltre a stampare quello che stampava la prima, esegue un'operazione in più, ma solo se si è verificata quella condizione.
Per far capire al compilatore che le due righe in questione vanno eseguite solo se il numero immesso è compreso tra 11 e 20, allora racchiudo le operazioni tra begin e end (ed ogni riga termina con il punto e virgola, begin end esclusi).
Ma il comando if non è il solo che permette la gestione delle scelte, infatti è presente anche il comando case che opera al pari dell'if. Vediamo un esempio per capire come funziona.

Codice: Delphi [Seleziona]

writeln('Inserisci un numero tra uno e dieci: ');
readln(PrimaVariabile);

case PrimaVariabile of
    1..10: writeln('Numero compreso tra 1 e 10.');
    11..20: writeln('Numero compreso tra 11 e 20.');
else
    writeln('Altro numero.');
end;

Notiamo che laddove prima esisteva il costrutto "if then else" ora esiste il costrutto "case of else". Vediamo ora come si può usare.
Codice: [Seleziona]

Case variabile of
    Condizione1: ;
    Condizione2: ;
    .
    .
    .
    .
    .
    CondizioneN: ;
else

end;

Questo modo di gestire le scelte è comodo, perché in realtà dovremmo scrivere molti if per esprimere un concetto. In tal caso conviene usare il case. Allo stesso modo dell'if, se abbiamo la necessita di eseguire più operazioni all'avverarsi di una data condizione, useremo il costrutto begin end.

Share on Twitter! Digg this story! Del.icio.us Share on Facebook! Technorati Reddit StumbleUpon

Articles in « PROGRAMMATORE ALZATI E CAMMINA CON LAZARUS »

Comments *

Commenting option has been turned off for this article.

Recenti

How To

Utenti
  • Utenti in totale: 676
  • Latest: Twowal
Stats
  • Post in totale: 13754
  • Topic in totale: 1726
  • Online Today: 39
  • Online Ever: 900
  • (Gennaio 21, 2020, 08:17:49 pm)
Utenti Online
Users: 0
Guests: 18
Total: 18

Disclaimer:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.